IMG_4816

Gingerbread Men – Cook In My House

Le origini degli omini di pan di zenzero sono piuttosto misteriose e affondano le loro radici nell’Inghilterra di Elisabetta I. Tra Europa e America, il mito sopravvive è ancora oggi il profumo di pan di zenzero riempie molto case nei giorni che precedono il Natale.
Secondo la tradizione inglese, la notte del 24 dicembre si deve mettere sotto  l’Albero di Natale un bicchiere di latte e i gingerbread men, così quando arriverà Babbo Natale potrà fare merenda. La “forma” più famosa di questi biscotti è il Gingerman o Omino Biscottino ( resa celebre anche dal cartone animato Shrek).

Il Gingerman è oramai diventato un simbolo del Natale anche in Italia, ma quale è la sua storia? L’Omino biscottino è il protagonista di una favola diffusa sopratutto nei paesi nordici e anglossasoni, da cui deriva la celebre filastrocca ” Run, run, as fast as you can. You can’t catch me, I’m the Gingerbread Man” (Corri corri più veloce che puoi. Non puoi prendermi, sono l’Omino di Pan di Zenzero).  La favola narra che in una casetta immersa nel bosco viveva una donna anziana con il marito. Un giorno, dopo aver messo a cuocere un biscotto di pan di zenzero a forma di pupazzo, sentì chiedere aiuto. La voce proveniva dal forno. Ma quando lo aprì, il pupazzino scappò via veloce perché non voleva essere mangiato. Durante la fuga Ginger Man incontra una mucca, un cavallo e un maiale. Tutti tentano di mangiarlo, ma il biscotto riesce a scappare correndo e intonando la filastrocca. La fuga dell’ Uomo di Pan di Zenzero si ferma di fronte ad un torrente, ove incontra una volpe che gli offre aiuto. Il biscotto accetta e sale sul dorso dell’animale, ma nel corso della traversata si arrampica fino al muso per non cadere. Una volta giunti dall’altra parte del torrente, il biscotto viene divorato dalla furba volpe. Il pan di zenzero è un prodotto alimentare dolce. In particolare si chiama pan di zenzero un impasto ottenuto dal miscelamento di un composto di miele o melassa e zucchero raffinato o di canna, aromatizzato con zenzero e cannella, con l’eventuale aggiunta di chiodi di garofano.
Preparateli con i bambini, sarà un bel momento da passare insieme! Lasciateli decorare gli omini come preferiscono e con tutte le loro imperfezioni, saranno ancora più belli! Se volete, con questi biscotti potete decorare anche il vostro albero di Natale: basta praticare un buco con una cannuccia o una matita all’apice del biscotto prima della cottura e farci passare un nastrino da annodare ai rami. Potrete aggiungere occhi e labbra, guarnirlo con glasse di vari colori, caramelle, confetti e dolciumi vari. Se volete realizzare questi simpatici e gustosi biscotti, ecco la ricetta.

Ingredienti per 4 persone

500 g di farina 00
160 g di burro
150 g di miele
180 g di zucchero di canna
2 cucchiaini di lievito per dolci
180/200 g di acqua
10 g di aromi per pan di spezie oppure
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
3 cucchiaini di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1 cucchiaino di cardamomo in polvere (facoltativo)

Preparazione

1. In una pentola, meglio se antiaderente, scaldate l’acqua con il miele, lo zucchero e le spezie. Mescolate ogni tanto finché non arriva ad ebollizione.
2. Spegnete il fuoco e unite il burro; quando è completamente sciolto aggiungete la farina e il lievito. Mescolate bene fino a ottenere un impasto omogeneo.

3. Fate una palla, avvolgetela nella pellicola e, quando sarà fredda, mettetela in frigo per una notte.

4. Il giorno dopo prendete l’impasto: sarà duro ma niente paura, basterà manipolarlo un po’ per ammorbidirlo. Stendendo con il matterello a uno spessore di 3 mm: vi consiglio di lavorare poco impasto per volta e di scegliere dei tagliabiscotti a forma di omino.

5. Cuocete in forno già caldo 180°C per 10-12 minuti.

Divertitevi a decorarli anche con un po’ di glassa colorata!

0 Commenti

Scrivi commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire CAPTCHA

captcha

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>